martedì 25 aprile 2017

ARRIVA IL TRITACARNE CARTACEO // SCOPRI TUTTE LE NOVITA' DEL NUOVO NUMERO DEL MAGAZINE DI TOTEN SCHWAN RECORDS


Grandi novità per il Tritacarne numero 18. La fanzine di Toten Schwan Records da questo mese abbandona il suo classico formato liquido per diventare una rivista cartacea vera e propria, sfogliabile e annusabile senza portarsi dietro tastiere e schermi più o meno piatti. Per ricevere una copia della rivista al prezzo di 5 euro (+ 1 euro di spese di spedizione) basta scrivere a toten.info@gmail.com oppure a info@edizionigolena.com o contattare direttamente la pagina fan del Tritacarne. Qui sotto un video di Lilith e le Morte , band di cui si parla nel Tritacarne di questo mese e in coda al post  l'editoriale curato da Marco Valenti.



Gli "ingredienti" del numero 18


domenica 23 aprile 2017

CUT, IL VENENO E LJUBO UNGHERELLI // SCOPRI GLI OSPITI DELLA SETTIMANA SULLE FREQUENZE DI CONTATTO RADIO POPOLARE NETWORK


Questa settimana nuovo doppio appuntamento a Riserva Indie con le dirette di Lunedì 24 e Martedì 25 Aprile. Per il "clasico" del lunedì arrivano nei nostri studi , prima di partire per un tour europeo tra Germania, Belgio, Austria e Francia, i Cut con i brani del loro ultimo "Second Skin", uscito per Area Pirata. Opening act della serata l'electro rock' n blues dei massesi Il Veneno con il cd di debutto "Si puo' vivere senza" edito da Phonarchia Dischi. Martedì 25 giornata di festa anche a Riserva Indie con la presentazione di "Galvanoterapia cinque contro uno", il nuovo romanzo di Ljubo Ungherelli in versione audiolibro musicato e i primi due capitoli in anteprima assoluta. Appuntamento in diretta Lunedì 24 Aprile dalle 21 alle 22,30 e in replica Sabato 29 dalle 16 alle 17,30 e Martedì 25 dalle 21 alle 22,30 con replica Domenica 30 dalle 18 alle 19,30 sulle frequenze di Contatto Radio - Popolare Network (89,80 Fm) e in streaming su http://www.contattoradio.it/ascoltaci/index.php



"Second Skin" è il sesto album dei CUT ed è il disco con cui la storica formazione bolognese festeggia più di venti anni di un percorso musicale che li ha visti attraversare "ere" diverse del suono alternativo e indipendente, sempre "on the wrong side of the road". Per questo motivo, nella fase di realizzazione dell'album, i CUT hanno voluto coinvolgere alcuni dei loro più stretti collaboratori e amici, molti dei quali hanno preso parte alla fase di costruzione dei brani, fornendo un contributo essenziale alla varietà di atmosfere e suggestioni che caratterizzano "Second Skin".  Il titolo ha un doppio valore evocativo: può essere letto come una metafora del vissuto della band, oramai divenuta una seconda pelle per i propri membri, oppure attraverso le tematiche affrontate nei testi quali l'ossessività e la dipendenza affettiva che rendono difficoltoso l'affrancarsi da stati d'animo legati a rapporti interpersonali passati. Un'ossessione che ti avvolge come una "seconda pelle", una prigione, spesso invisibile agli altri, dalla quale non ci si riesce a liberare. "Second Skin" vede la partecipazione di numerosi ospiti tra cui: Mike Watt (Minutemen, fIREHOSE, Iggy & The Stooges, Il Sogno Del Marinaio...), Stefano Pilia (Rokia Traoré band, Afterhours, Massimo Volume, InZaire, Il Sogno Del Marinaio, Cagna Schiumante...), Sergio Carlini (Three Second Kiss, Serra/Carlini, Jowjo), Andrea Rovacchi (Julie's Haircut), Francesco Salomone (Forty Winks, Qlowski), Francesco Bucci, Paolo Raineri (Ottone Pesante, Junkfood). Per l'artwork è stato scelto "Nel Buio", un quadro dell'artista modenese Simone Fazio. Un particolare di quest'opera era già stato utilizzato per la release online del brano "Take It Back to the Start". "Second Skin" è frutto di una co-produzione Area Pirata, Dischi Bervisti, Antipop (etichetta di Liverpool già distributrice dei dischi dei CUT in UK) e Bare Bones Productions. La produzione artistica è stata affidata a Bruno Germano già collaboratore storico della band oltre ad aver militato nei Settlefish ed avere prodotto tra gli altri, Fuzz Orchestra e Iosonouncane. Germano è presente nel disco anche in veste di musicista e coautore della title track. In numerosi brani figura anche Francesco Bolognini il primo batterista della band ad ulteriore testimonianza della volontà dei CUT di raccogliere intorno a "Second Skin" gli amici ed i collaboratori di una vita.


Il Veneno è un duo electro rock’n blues nato nel giugno 2015 e formato da Alessio Mosti (voce, chitarra) e Sergio Napolitano (batteria, percussioni, didgeridoo). I due si incontrano nella band I Viaggi di Jules e, dopo svariati cambi di formazione, decidono di proseguire il loro percorso come duo. Il 21 Aprile è uscito "Si puo' vivere senza", il loro nuovo album sotto la direzione artistica di Nicola Baronti ed edito da Phonarchia Dischi.


Instant book fuori tempo massimo, ma proprio per questo imprescindibile. La storia di una giovinezza perduta e improvvisamente riassaporata a suon di rock’n’roll. Ironia, dramma, nonsense, amore, musica, sesso. “Galvanoterapia cinque contro uno”, quinto capitolo della saga iniziata nel 2002, è questo e molto altro. Un romanzo che, debitamente compresso in questa inedita versione “audiolibro musicato”, va dritto al punto senza fronzoli né orpelli di sorta. Un romanzo dove le canzoni e le vicissitudini dei Ritmo Tribale vanno più o meno di pari passo con quelle del loro fan numero uno. Perché forse non è mai troppo tardi, e non si è mai troppo vecchi per recuperare la leggerezza e la spensieratezza degli anni che furono, e tornare sul palco a fare di nuovo ruggire gli strumenti, e innamorarsi ancora una volta, e lasciarsi andare senza che la ragione, puntigliosamente, venga a bussare alla porta per ricordare quanto tutto ciò sia assurdo. (Ljubo Ungherelli su "Galvanoterapia cinque contro uno")

sabato 22 aprile 2017

14 ANNI FA MORIVA NINA SIMONE // RIASCOLTA LA SUA STORIA RACCONTATA DA OLIVIA ROVAI ALL'ULTIMO NEGOZIO DI DISCHI SULLA TERRA


Ecco lo streaming, in coda al post sul player di mixcloud, della puntata dell' Ultimo Negozio di dischi sulla Terra in cui la cantante e pianista viareggina Olivia Rovai ha raccontato la vita e la musica della grandissima interprete e pianista americana Nina Simone. Un' occasione per riscoprire anche il grande impegno civile e i numerosi viaggi di un'artista morta proprio 14 anni fa , il 21 Aprile 2003, nella sua residenza francese a Carry-le-Rouet. In studio anche Andrea Foxx e Alessandro Hicks. Qui sotto una delle performance più famose di Nina.


Olivia Rovai in splendida forma nei nostri studi


Clicca play sul lettore di Mixcloud qui sotto per riascoltare tutta la puntata

giovedì 20 aprile 2017

"GALVANOTERAPIA CINQUE CONTRO UNO" // SCOPRI IL NUOVO "AUDIOLIBRO MUSICATO" DI LJUBO UNGHERELLI NELLA PUNTATA SPECIALE DI RISERVA INDIE DEL 25-04-2017


Puntata molto speciale di Riserva Indie quella di Martedì 25 Aprile dalle ore 21 alle 22,30 (con replica Domenica 30 dalle 18 alle 19,30 sulle frequenze di Contatto Radio Popolare Network) con l'anteprima dei primi due capitoli di "Galvanoterapia cinque contro uno", il nuovo romanzo di Ljubo Ungherelli in versione "audiolibro musicato", preceduto da un'ampia intervista con l'autore per presentare l'opera.


Instant book fuori tempo massimo, ma proprio per questo imprescindibile. La storia di una giovinezza perduta e improvvisamente riassaporata a suon di rock’n’roll. Ironia, dramma, nonsense, amore, musica, sesso. “Galvanoterapia cinque contro uno”, quinto capitolo della saga iniziata nel 2002, è questo e molto altro. Un romanzo che, debitamente compresso in questa inedita versione “audiolibro musicato”, va dritto al punto senza fronzoli né orpelli di sorta. Un romanzo dove le canzoni e le vicissitudini dei Ritmo Tribale vanno più o meno di pari passo con quelle del loro fan numero uno. Perché forse non è mai troppo tardi, e non si è mai troppo vecchi per recuperare la leggerezza e la spensieratezza degli anni che furono, e tornare sul palco a fare di nuovo ruggire gli strumenti, e innamorarsi ancora una volta, e lasciarsi andare senza che la ragione, puntigliosamente, venga a bussare alla porta per ricordare quanto tutto ciò sia assurdo. (Ljubo Ungherelli)


Il libro vedrà la luce, per ironia della sorte, proprio il giorno dopo la reunion in data unica dei Ritmo Tribale (senza Edda) che avverrà il 24 Aprile alla Centrale Rock di Erba (Co). Quale sia il filo che lega la band al romanzo lo scoprirete solo ascoltando la puntata.


Ljubo Ungherelli nasce a Firenze nel 1979. Nel 1995 decide di diventare scrittore. Negli anni successivi, i primi esperimenti: la raccolta "Scritti post vitam" (1996) e il pamphlet "Luoghi non comuni" (2000). All'inizio del terzo millennio, la svolta: crea il genere letterario denominato "periferia esistenziale", caratterizzato da una prosa intrisa di tormenti interiori, angosciose lotte contro i fantasmi del passato, desolazione dell'animo e degli scenari suburbani, ma solcata da una vena surreale e talvolta demenziale che stempera il lancinante "Scream of consciousness" dei personaggi. Del novembre 2001 è il romanzo "Focolaio del treno", cui fanno seguito la raccolta "Cacciatori di betoniere" e i romanzi "Quarto foglio protocollo" e "GT {Galvanoterapia}" (luglio, ottobre e dicembre 2002). Il mondo editoriale fa orecchie da mercante, tanto da indurre il non ancora ventiquattrenne scrittore alla resa. 2004: ripresa delle attività. Vedono la luce otto romanzi: "Dall'altro verso il baratro", "Posta da filmare" (febbraio e ottobre 2004), "I fuoriquota - Di nuovo verso il baratro" (2005), "Conversione da coin-op", "Galvanoterapia" (febbraio e settembre 2006), "Benvenuti nella chiesa del rumore", "Figure gemellari verso l'altro" (gennaio e maggio 2007) e "Ali bye bye" (2008) sono lavori originali che spaziano sulle più svariate coordinate, toccando vette di eccellenza. Il mondo editoriale persevera a sbattere la porta in faccia a colui che non esita a definirsi "più grande scrittore vivente". 2011: su questo sito vengono ristampate le opere del periodo 2001-2008, liberamente scaricabili. 2012: dopo quattro anni di silenzio, il ritorno. Sette i romanzi pubblicati in questa nuova fase: "Posta da far male", "Galvanoterapia in quattro quarti" (settembre e dicembre 2012), "bombe al nepal missili all'india", "Funzione linguistica avanzata" (aprile e ottobre 2013), "La morte è come sempre" (2014), "Ieri eravamo vivi" (2015) e "Ultimo tour sulla Luna" (2016). Il distacco dalle tematiche proprie della periferia esistenziale è drastico. Le opere degli anni Dieci sono viceversa all'insegna di un "caleidoscopio dell'assurdo" che accentua ulteriormente la volontà di evoluzione in un percorso artistico che non conosce cedimenti né passi indietro.


Vi ricordo che potete scaricare "Ultimo Tour sulla Luna" e tutti i romanzi di Ljubo in free download sul sito ufficiale dell'autore.

RITORNA LA SPEZIA COMICS AND GAMES! APPUNTAMENTO IL 6 E 7 MAGGIO // A CURA DI SAMUEL FAVA



Anche stavolta RISERVA INDIE sarà presente sul campo per documentare con foto e video i momenti più belli di questa manifestazione giunta ormai alla sua 7^edizione. Il La Spezia Comics and Games nasce come evento fiera biennale del fumetto, gioco e videogioco nel 2009 per poi confermarsi come appuntamento annuale a partire dal 2012 con un sempre crescente successo, con ospiti di fama internazionale in ambito videogames e cosplay.




L’evento si svolge, come ogni anno nelle ultime 3 edizioni, presso il centro fieristico “La Spezia Expo”. La struttura, che conta circa 5500mq di area espositiva al coperto, si trova in una posizione strategicamente comoda sia per chi arriva in treno sia per chi arriva in auto.
  • In auto: La struttura si trova in Via Carducci, esattamente a 100mt dal primo incrocio presente dopo l’uscita dal raccordo autostradale con uscita a La Spezia.
  • In treno dalla stazione di La Spezia Centrale: è possibile raggiungere la struttura dalla quale dista 15 minuti con i mezzi pubblici e 25minuti a piedi
  • In treno dalla stazione di La Spezia Migliarina: A piedi la struttura è raggiungibile in circa 10 minuti. 
Il prezzo dell’ingresso sarà di solo 5€ per un giorno, 7 per entrambi i giorni! Il parcheggio gratuito della struttura puo contenere fino a 1000 auto, sono inoltre presenti altri parcheggi gratuiti nelle vicinanze.

PIU' SPAZIO AL FUMETTO


Uno degli scopi principali del La Spezia Comics è il miglioramento e la diffusione della cultura artistica dell’arte e del fumetto. Per questo motivo quest’anno abbiamo deciso di dare piu spazio al fumetto e all’illustrazione.
Sarà infatti possibile partecipare a una selezione artistica che permetterà ad autori ed illustratori di avere uno spazio gratuito in fiera!
I nomi dei presenti confermati sono tanti, non voglio fare torto a nessuno, vi rimando al sito per tutti i dettagli! 
Clicca QUI!!!!  e vai direttamente sul sito ufficiale.

COSPLAY

Anche per questa edizione, la parte cosplay sarà seguita dai ragazzi di COSTRIVE. Ospite internazionale di quest'anno sarà la fantastica KaddiCosplay, giunta direttamente dalla Germania, che vi aspetterà nell’area palco per tutte e due le giornate della manifestazione!
La potrete trovare al suo stand per foto, selfie, autografi e nella giornata di Domenica terrà un piccolo panel sul cosplay in Germania!



Lui è Artemis Entreri Cosplay, uno dei più bravi cosmaker in italia!
Potrete trovare Artemis Entreri Cosplay al La SpeziaExpo’ Sabato 6 e Domenica 7 Maggio durante il La Spezia Comics and Games dove terrà un bellissimo workshop sulla realizzazione di armi e armature e farà parte della giuria della gara cosplay!



Lei è Maki Eraclea e Sabato 6 Maggio terrà un piccolo workshop sul social media marketing, in particolare sulla gestione dei social network, e Domenica 7 farà parte della giuria della gara cosplay!


Shalizàà Cosplay, una grandissima cosplayer esperta nella sartoria! La troverete sia Sabato che Domenica al La SpeziaExpo’ durante il La Spezia Comics and Games.




VIDEOGAMES AREA

Quest’anno si parte alla grande: in collaborazione con Atrax – Italian eSports multigaming, il primo e secondo piano della struttura la spezia expo saranno dedicati all’area videogames!
Due giorni di fiamme e gloria in cui solo i migliori si ergeranno come vincitori!
Il montepremi totale di quest’anno ammonta a 4500€, che incoroneranno i campioni di Hearthstone e Clash Royale: i due giochi protagonisti durante le giornate del 6 e 7 Maggio al La Spezia Comics & Games.
Ad essi faranno da stupendo contorno World of Tanks, League of Legends e tanti altri giochi!


BODYPAINTING 


Ospite d'eccezione, Matteo Arfanotti, Campione del Mondo di Bodypainting e Facepainting, Sabato 6 Maggio presenterà una performance di bodypainting della durata di circa 6-7 ore che inizierà nella prima mattinata del La Spezia Comics and Games per proseguire direttamente sul palco dalle 14.00 alle 16.00.

RIASCOLTA (E GUARDA) I SOLKI A RISERVA INDIE PER PRESENTARE "PEACOCK EYES" E SUONARE UN MINILIVE IN STUDIO // GALLERY DI SAMUEL FAVA



Ecco la galley, a cura di Samuel Fava, e lo streaming, in coda al post sul player di Mixcloud, della puntata di Riserva Indie dello scorso 11 Aprile con i Solki in studio per presentare il nuovo "Peacock Eyes" e suonare un minilive in diretta di cui presto metteremo online i video. Vi ricordo che i Solki suoneranno il 25 Aprile allo Studio Rudere di Vertelli (Arezzo), il 5 Maggio al Glue di Firenze e il 27 Maggio al Frame Club di La Spezia. Qui sotto il calendario completo dei live previsti.


Ecco il video live di "Empty Bag Jellyfish" duretto da Fabio Lombardi


Intrecciato come un domino giocato in tre da Serena Altavilla, Alessandro Gambassi e Lorenzo Maffucci, e ricompattato insieme al musicista-produttore Alessandro Fiori, il secondo disco dei Solki sceglie il pavone come animale simbolo della fragilità, della bellezza, delle contraddizioni che definiscono le relazioni umane. L’album, intitolato “Peacock Eyes”, è un discorso sintetico sulla vanità e sull’abbaglio che essa cerca e determina. La ruota degli occhi del pavone si mostra in tutto il suo dilemma, splendido ma goffo simbolo di rinascita. “Peacock Eyes” realizza una fusione più ordinata e compatta rispetto al gioco lo-fi dell’album d’esordio dei Solki. Resta sostanzialmente invariato l’impianto strumentale dream punk indirizzato dalla voce argentina di Serena Altavilla e appoggiato sul contrappunto delle chitarre e sul fraseggio radicale di una batteria ridotta ai suoi elementi essenziali. Su questo tessuto si propagano colori strumentali aggiunti da Alessandro Fiori durante la registrazione del disco, avvenuta per lo più in presa diretta in due giorni di lavoro primaverile presso lo Studio Rudere in Casentino. «Esiste un luogo ideale: un punto di vista sopraelevato, una collina che domina una pianura. Dall’alto si osservano i contrasti: come la vanità nasconda una disperazione, una attenzione mancata; perché il desiderio del possesso sia legato a guardare una persona non per come è ma per come si vorrebbe che fosse; come si possa aver desiderio e sete di persone che non si sa davvero come sono. Si può trovare, appartato in qualche zona scura, il coraggio di ammirare anche il brutto delle cose belle».

 


Foto di Solki con Riserva


Serena Altavilla, Lorenzo Maffucci e Alessandro Gambassi





Clicca play sul lettore di Mixcloud qui sotto per riascoltare i Solki a Riserva Indie